Indennizzo diretto per sinistri con più di due veicoli.

indennizzo diretto più auto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’indennizzo diretto è possibile anche in caso di incidente in cui vengano coinvolte più di due auto. Lo ha deciso la Cassazione, che cambia le carte in tavola nel rapporto tra assicurato e assicuratore.

Con l’ordinanza 3146/2017 gli ermellini ampliano in maniera importante il ventaglio di casi in cui l’assicurazione può liquidare direttamente il proprio assicurato in caso di sinistro. Prendiamo il testo del regolamento attuativo del D.p.r. 254/2006, che identifica come sinistro per cui sia valido l’indennizzo diretto la “collisione avvenuta nel territorio della Repubblica tra due veicoli a motore identificati e assicurati per la responsabilità civile obbligatoria dalla quale siano derivati danni ai veicoli o lesioni di lieve entità ai loro conducenti, senza coinvolgimento di altri veicoli responsabili”.

La Cassazione ridefinisce l’operatività dell’indennizzo diretto focalizzando l’attenzione non più sui “due veicoli a motore”, ma sulla mancanza di “coinvolgimento di altri veicoli responsabili”. Secondo questa interpretazione, un sinistro in cui ci siano più di due veicoli coinvolti ma un solo responsabile, è risolvibile con il risarcimento diretto da ciascuna assicurazione.

Questa risoluzione è pensata per ridurre i tempi di risarcimento in un numero maggiore di casi, dando così la possibilità alle assicurazioni di trattare immediatamente col proprio cliente e (in linea teorica) migliorare il proprio servizio. Sarebbe stata invece tutta a vantaggio delle compagnie assicurative se associata alla clausola anti-patrocinatore, che fortunatamente l’AGCM ha dichiarato vessatorie.

Sicuramente ci saranno delle ripercussioni anche sul lavoro dei tanti patrocinatori stragiudiziali che fanno il possibile per ottenere il giusto risarcimento per i propri clienti: come può cambiare quindi il rapporto tra chi fa gli interessi degli assicurati e le assicurazioni? È una risoluzione che semplifica o complica le procedure di risarcimento?