Se i genitori sono presenti gli insegnanti non sono responsabili

La responsabilità dell’insegnante, o più in generale dell’istituto scolastico, su gli alunni si fonda su un dovere di sorveglianza e vigilanza che i primi devono esercitare sui secondi dal momento in cui questi gli vengono affidati sino alla “riconsegna” ai genitori. Se però quest’affidamento, in caso di gita scolastica non avviene perché il genitore fa

L’insegnante è responsabile dei danni dell’alunno solo quando quest’ultimo era effettivamente sotto la sua vigilanza.

L’assunto proviene dai togati di Piazza Cavour con la pronuncia nr 3081 del 16 febbraio 2015. Il caso riguardava la negazione del risarcimento dei danni fisici subiti da un alunna (minore) allorquando, all’uscita di scuola, mentre era seduta sul parapetto della scala della scuola, cadeva all’indietro sospinta da un compagno. Gli ermellini confermavano l’orientamento dei

Infortuni estivi: per la caduta a bordo piscina non è possibile invocare la responsabilità del gestore.

A concludere in questo senso sono gli ermellini di Piazza Cavour con la sentenza nr 9009 del 6 maggio 2015 della III Sezione Civile con la quale accolgono le motivazioni del Ministero dell’Interno del Fondo di Assistenza del Personale della Polizia di Stato. Avevano ricorso per Cassazione infatti avverso la pronuncia della Corte di Appello

Franchigie e penali in RC Auto? L’ufficio del GDP di Bologna ricorda alle compagnie che la polizza RCA opera ex art. 1917 c.c.

Due recenti ed interessanti pronunce, dello stesso indirizzo e tenore, da parte dell’Ufficio del Giudice di Pace di Bologna, rispettivamente la nr 1147/15 del 02.04.2015 a firma del Dott. Stefano Onofri, IV Sezione civile e la nr 390/15 del 5 febbraio 2015 a firma dell’Avv.to Giurato Rosaria della II Sezione Civile. In entrambi i casi

Se la scuola rispetta l’obbligo di vigilanza non è responsabile per i danni conseguenti alla caduta dello scolaro.

Gli ermellini del “palazzaccio”, con la pronuncia nr 3365 del 20 febbraio 2015, negano il risarcimento ai genitori di una minore, che cadendo nel cortile della scuola elementare marchigiana, si procurava delle lesioni. I genitori invocano la responsabilità della scuola ex art. 2048 codice civile che attribuisce ai precettori e ai maestri d’arte la responsabilità

De iure Condito “In caso di incidente senza il casco il risarcimento spetta per intero (salvo diversa prova del danneggiante)”

E’ interessante la recente pronuncia della Corte di Cassazione nr 23148 del 31.10.2014 che riguarda il caso di risarcimento per il danno da perdita del rapporto parentale ai congiunti di un ragazzo morto a seguito di un incidente stradale, a bordo, in qualità di trasportato, su di un motociclo sul quale viaggiava senza casco. Il