Se la scuola rispetta l’obbligo di vigilanza non è responsabile per i danni conseguenti alla caduta dello scolaro.

Gli ermellini del “palazzaccio”, con la pronuncia nr 3365 del 20 febbraio 2015, negano il risarcimento ai genitori di una minore, che cadendo nel cortile della scuola elementare marchigiana, si procurava delle lesioni. I genitori invocano la responsabilità della scuola ex art. 2048 codice civile che attribuisce ai precettori e ai maestri d’arte la responsabilità