Cintura… di sicurezza e responsabilità!

Indossare la cintura di sicurezza in auto è ancora un tabù in Italia soprattutto per i passeggeri dei sedili posteriori. Al di là del rischio della sanzione amministrativa, indossare correttamente i presidi di sicurezza potrebbe salvarci la vita in caso di incidente stradale. Se non ne siete ancora convinti vi invitiamo a visionare questo crash

Il ciclista non è un pedone

Spesso chi gira per la città in sella alla propria bici crede di avere le stesse regole di comportamento e gli stessi diritti del pedone. Ma non è proprio così! L’utilizzo della bicicletta come mezzo di trasporto è sempre maggiore, soprattutto col bel tempo. E’ piacevole, salutare, rispettoso dell’ambiente ed economico. L’Italia, che in una

Auto con targa estera e auto senza assicurazione: la multa è salata

Queste le modifiche salienti dell’art. 193 del codice della strada: in caso di mancanza di copertura assicurativa del veicolo, questa venga resa operante nei 15 giorni successivi alla scadenza oppure l’interessato provveda alla demolizione e alla radiazione del veicolo, la riduzione dell’importo della sanzione non sarà più di tre quarti, ma soltanto della metà; è

Gite scolastiche: occhio al pullman e all’autista

Nel 2016 il MIUR e la Polizia Stradale siglavano un accordo di collaborazione denominato “Gite scolastiche in sicurezza” rinnovato anche nel 2018. Il progetto mira a garantire maggiore sicurezza, appunto,  ai ragazzi delle scuole in occasione dei viaggi di istruzione. Il personale scolastico ha infatti l’opportunità (non l’obbligo) di richiedere l’intervento della polizia stradale per

Se conosci la strada dissestata, l’ente proprietario non è responsabile

Due conferme importanti da una recente ordinanza della Corte di Cassazione circa la responsabilità dell’ente proprietario di una strada aperta al pubblico. La prima riguarda il titolo con cui è tenuto a rispondere l’ente per eventuali danni a terzi cagionati da difetto di manutenzione, ovvero la violazione dell’art. 2051. La seconda riguarda invece la corresponsabilità

Infrazioni gravi al codice della strada: la multa è europea.

Un recente circolare del Ministero dell’Interno, datata 12 settembre 2017 ed inviata a tutte le forze di Polizia e al Ministero della Giustizia, ricorda che ai fini del miglioramento della sicurezza stradale nei Paesi dell’Unione Europea, è necessaria una uniforme applicazione della sanzioni per le infrazioni gravi e il superamento delle difficoltà connesse alla notifica

Modifiche al codice della strada

Il 19 luglio è stato presentato e approvato un emendamento che punta a modificare l’articolo 173 del Codice della Strada e prevede un inasprimento delle pene per chi usa il cellulare mentre è alla guida. E’ prevista la sospensione della patente già alla prima infrazione, multe più salate e aumentata anche la decurtazione dei punti

Smartphone e guida

Smartphone e guida sono due cose che di certo non possono andare d’accordo: non serve fare dei ragionamenti complessi per capire quanto sia pericoloso distrarsi mentre si guida, soprattutto se ci si distrae guardando il cellulare. Oggigiorno difficilmente riusciamo a staccarci dalle tecnologie che siamo abituati ad avere sempre a portata di mano e spesso