Va sempre considerata la velocità degli altri utenti della strada

Con la sentenza 32879 del 24/11/2020 la Corte di Cassazione conferma l’orientamento riguardo l’obbligatorietà di utilizzare la massima prudenza nelle situazioni di pericolo, altresì di saper prevedere comportamenti pericolosi degli altri utenti della strada.   In questo specifico caso un conducente si immetteva, da una strada privata, in una statale svoltando a sinistra. L’intersezione era

Il trasportato dev’essere risarcito subito anche se coinvolto in un sinistro con un’auto straniera

Il trasportato di un mezzo coinvolto in un sinistro, per legge, viene tutelato con “precedenza” per ottenere un risarcimento. L’art. 141 del Codice delle Assicurazioni nello specifico recita: “Salva l’ipotesi di sinistro cagionato da caso fortuito, il danno subito dal terzo trasportato è risarcito dall’impresa di assicurazione del veicolo sul quale era a bordo al

Incastrato con il SUV in una strada stretta, non ottiene il risarcimento

Un mese fa avevamo presentato un altro esempio di come la presenza di ostacoli non segnalati che concorrono a causare un incidente non siano sempre un motivo valido di risarcimento.   L’esperienza giudiziaria ormai è concorde sul considerare di massima importanza l’atteggiamento del conducente nei sinistri, anche in presenza di ostacoli o imprevisti. E lo

La differenza tra velocità massima e velocità pericolosa

In caso di sinistro, l’aver rispettato la velocità massima consentita dal codice della strada non esenta da concorso di responsabilità.   Lo stesso codice della strada impone all’automobilista di adattare la propria velocità in base alle condizioni di tempo, di luogo, del veicolo e del traffico nel momento di conduzione. Quindi qual è la differenza

Se conosci l’ostacolo, ed è ben visibile, non ti spetta il risarcimento

La Corte di Cassazione con l’ordinanza 12416 del 24 giugno 2020 ha ribadito che all’automobilista distratto non spetta nessun risarcimento se l’ostacolo che colpisce è ben visibile e conosciuto.   Il caso Un automobilista urta, nella manovra di parcheggio, dei dissuasori mobili all’interno di una piazza. La vittima chiede un risarcimento al comune segnalando quanto

Se la mia macchina ferma in parcheggio prende fuoco e danneggia le altre vicine o un immobile, chi paga?

Ogni tanto una buona notizia! La risposta è:  la compagnia con la quale ho stipulato la garanzia RCA. Ovviamente per i danni a terzi. Non per i tuoi per i quali invece avresti dovuto sottoscrivere e comprare la garanzia “incendio”. Sul punto, l’indirizzo della Corte di Cassazione è granitico e risalente. In primis nel riconoscere