Come funziona il concorso di colpa?

Il concorso di colpa è la definizione di responsabilità concorrente, paritaria o meno, delle persone coinvolte in un sinistro. Viene stimata e misurata in percentuale e, secondo tale misura, indica anche la parte di risarcimento spettante a ciascuna parte coinvolta.   Il concorso di colpa può essere paritario, quando la responsabilità del sinistro è divisa

Scatola nera: valgono davvero come prova i dati raccolti?

Da Bolzano ad Agrigento, la scatola nera è un sistema che, in percentuali diverse in base alla zona, è ormai parte integrante di quasi un quarto dei veicoli circolanti sul territorio nazionale.     Nel nostro precedente articolo abbiamo visto quanto e dove è più diffusa la black box, e come funziona.     Ora

Scatola nera: in Italia si trova sul 23% delle vetture

È un fatto: in Italia oltre i 23% dei veicoli assicurati è equipaggiato con una scatola nera.   Introdotta nel 2012 come accessorio per ottenere una maggiore scontistica sulla polizza RCA, la scatola nera, o black box, ha velocemente guadagnato la fiducia degli Italiani.   La mappa della diffusione però dimostra come sia più presente nelle

Pedoni: le differenze enormi tra Europa e USA

Prima di fare il punto della situazione riguardante la sicurezza dei pedoni nel nostro paese, è interessante andare a vedere quali spunti di riflessione possiamo prendere da altri paesi europei e dagli USA.     Europa: tra nuove soluzioni per la sicurezza e nodi da risolvere   I paesi dell’Europa del nord si confermano all’avanguardia

Le garanzie accessorie auto: perché convengono

Oltre all’assicurazione obbligatoria per legge RC auto, esistono diverse garanzie accessorie che si possono aggiungere a protezione del proprio veicolo.   Queste polizze aggiuntive si stipulano su base volontaria e vanno a coprire danni specifici alla propria auto. Il valore del premio, inoltre, è calcolato sul valore commerciale della propria auto.   Kasko   Prevede

Va sempre considerata la velocità degli altri utenti della strada

Con la sentenza 32879 del 24/11/2020 la Corte di Cassazione conferma l’orientamento riguardo l’obbligatorietà di utilizzare la massima prudenza nelle situazioni di pericolo, altresì di saper prevedere comportamenti pericolosi degli altri utenti della strada.   In questo specifico caso un conducente si immetteva, da una strada privata, in una statale svoltando a sinistra. L’intersezione era